.
Annunci online

attentialcane [ politica e occidentalismi ]
 


"Bau bau baby"
                Freak Antoni 


Segui attentialcane su Twitter


Scrivetemi su: maxsorci@yahoo.it

Questo blog è gemellato
con Nonsolorossi.



  
Riassunto, il raccoglitore delle notizie della rete!
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
CIRCUS.IT : XML/RSS/ATOM Feeds Aggregator

Antipixel di Lamianotizia 


15 novembre 2012


ADDETTO STAMPA TI VOGLIO PARLARE

No, non è il virgolettato di un'intervista o di una conferenza stampa. E' la controreplica dell'allenatore della Juventus Conte sul sito ufficiale (quindi una roba scritta): "Leggo con stupore le dichiarazioni rilasciate oggi dal signor Cassano, a seguito delle quali mi trovo costretto a fare alcune precisazioni. In primo luogo, non ho mai proferito il termine moralità, della quale, tra l'altro, sono molto dotato, nonostante la squalifica per omessa denuncia sulla quale ho già espresso le mie opinioni in passato".

Ma chi cazzo è l'addetto stampa della Juventus?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Conte Juventus

permalink | inviato da Attentialcane il 15/11/2012 alle 23:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


2 giugno 2012


CARO AGNELLI JR., LE PAROLE SONO IMPORTANTI

Non ho ben capito cosa voglia Agnelli jr. quando difende i suoi tesserati in questa storia delle scommesse. Buffon, Bonucci e Conte sono juventini. E allora? Vuol comprare anche Mauri e Sculli per gridare al complotto? Purtroppo lo stile Juve si sta trasformando in un impasto di arroganza insofferente e fastidioso vittimismo. Visto che parliamo di stile, vorrei però porre l'accento sull'italiano: «Gigi Buffon è un atleta assolutamente leale e non ha bisogno di arrivare a situazioni di scommesse per fare quadrare nulla». Situazioni di scommesse? Far quadrare nulla? Ma come parla il presidente della Juve?


27 febbraio 2012


E CHE DOVEVA DIRE, FORZA MILAN?

Lo dico a scanso di equivoci: l’attuale Juventus di Andrea Agnelli e soprattutto il suo allenatore Antonio Conte non mi sono simpatici. Sono un mix di understatement balordo e autentico livore che denota una nobiltà un po’ impallidita. Detto questo, sto con Gigi Buffon. Come tutti quelli che sanno cosa significhi giocare a pallone. 

E’ vero, il gol di Muntari era valido e se il Milan avesse raddoppiato probabilmente avrebbe vinto la partita. Però il portiere della Juve che doveva fare? Andare dall’arbitro e dire scusi signor giacchetta nera siccome sono il capitano della nazionale e qua in Italia tutti vogliono fare gli anglosassoni, sì insomma… forza Milan?

Per i moralisti irriducibili Buffon è stato scandaloso e avrebbe dovuto fare come Paolo Di Canio in Everton-West Ham, quando si fermò a porta quasi vuota per permettere di soccorrere il giocatore avversario. Con la leggerissima differenza però che là la palla non era ancora entrata e magari Di Canio l’avrebbe pure sbagliato quel tiro.

Dicono: ok, ammettiamo che tu sia in buona fede e che nella foga del match quella palla un metro al di là della linea proprio non l’hai vista; quantomeno dovevi andare in sala stampa e dire sì, effettivamente… era gol, ma questo calcio è troppo veloce, gli arbitri sono esseri umani che sbagliano. Una boiata così. Dopotutto sei un azzurro e i bambini ti guardano.

Oggi invece Buffon ha rincarato la dose, forte – forse – dell’appoggio ricevuto dall’allenatore della nazionale Cesare Prandelli. Al presidente Aia Marcello Nicchi che lo aveva aspramente redarguito e aveva invocato una forma di collaborazione tra arbitri e calciatori ha risposto:
«Non ho capito che tipo di aiuto chiede, altrimenti arbitrano i giocatori».
Magari a Conte non dispiacerebbe.

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Juventus Milan Buffon Conte

permalink | inviato da Attentialcane il 27/2/2012 alle 22:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        dicembre