.
Annunci online

attentialcane [ politica e occidentalismi ]
 


"Bau bau baby"
                Freak Antoni 


Segui attentialcane su Twitter


Scrivetemi su: maxsorci@yahoo.it

Questo blog è gemellato
con Nonsolorossi.



  
Riassunto, il raccoglitore delle notizie della rete!
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
CIRCUS.IT : XML/RSS/ATOM Feeds Aggregator

Antipixel di Lamianotizia 


21 gennaio 2009


SUGGERIMENTO PER QUELLI DELL'UNIONE AGNOSTICI ATEI RAZIONALISTI

La buona notizia è che Dio non guarda le partite di calcio.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sport calcio società lippi dio uaar bestemmie

permalink | inviato da Attentialcane il 21/1/2009 alle 22:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


13 gennaio 2009


E FABIO FAZIO VESTITO DA PRETE

 Spot sull'ateismo, anche a Genova i bus che promuovono l'inesistenza di dio

Se la Chiesa avesse il senso dell'ironia, a questa azione dell'Unione atei e agnostici razionalisti risponderebbe: "Ok, Dio non esiste. Infatti, semplicemente, è". E proporrebbe una puntata speciale di "Che tempo che fa" su ontologia e meontologia nel dibattito teologico contemporaneo.


28 dicembre 2007


RUINI STA A FERRARA COME SCALFARI A LIGABUE

Riassumo la cosa molto velocemente. La senatrice Binetti ha imputato ad un intervento della provvidenza il fatto che l’articolo sull’omofobia, contenuto nel decreto sulla sicurezza e al quale lei non dette voto favorevole, sia risultato affetto da un errore di redazione. Cosa che ha implicato la caduta dell’articolo stesso. Sarebbe stato Dio in persona ad aver esaudito le preghiere della Binetti. Eugenio Scalfari ieri, dopo aver riassunto molto meglio del sottoscritto tutta la faccenda, ha dato alla Binetti della bestemmiatrice. Come si fa a pretendere che Dio si scomodi per un articolo di legge di un provvedimento di uno stato? La preghiera è altra cosa – ricorda Scalfari – e soprattutto non si dovrebbe mai nominare il nome di Dio invano. Oggi uno degli editoriali del Foglio – che aveva ospitato le riflessioni della Binetti – ricorda a Scalfari che non si dovrebbero porre limiti alla provvidenza. A me fa un po’ ridere tutto. La Binetti che parla di provvidenza (quasi fosse un qualunque Kakà a fine partita), Ferrara che non vedrebbe male un intervento divino nelle leggi degli uomini (non basta più neanche Ruini?), Scalfari che vorrebbe insegnare a pregare e dà per scontato che Dio si interessi soltanto di macroproblemi e lasci le frattaglie magari a qualche santo di secondo ordine. Come fa ad esserne certo? Non sarà che Scalfari è come Luciano Ligabue?

sfoglia     dicembre        febbraio