.
Annunci online

attentialcane [ politica e occidentalismi ]
 


"Bau bau baby"
                Freak Antoni 


Segui attentialcane su Twitter


Scrivetemi su: maxsorci@yahoo.it

Questo blog è gemellato
con Nonsolorossi.



  
Riassunto, il raccoglitore delle notizie della rete!
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
CIRCUS.IT : XML/RSS/ATOM Feeds Aggregator

Antipixel di Lamianotizia 


8 novembre 2012


E TU NON FARE IL FORMIGONE


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Formigoni Lega

permalink | inviato da Attentialcane il 8/11/2012 alle 21:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


15 aprile 2012


SE MARONI SI DALEMIZZA

Roberto Maroni sta attento a non stravincere. Anche se – intervistato oggi da Aldo Cazzullo - appare più che mai deciso ad andare fino in fondo. Vuole cambiare i connotati di un partito nato intorno al Santo Fondatore (“il prossimo segretario sarà un primus inter pares. Se no frana tutto”), difende, in realtà piuttosto tiepidamente, Umberto Bossi (“è un tributo che gli devo”), si dalemizza e fa il king maker (“se il congresso eleggesse un segretario veneto sarei l'uomo più felice del mondo”).

Per una sorta di par condicio verde, il Corriere della sera dunque, dopo aver intervistato ieri Rosi Mauro, sente oggi Roberto Maroni. L'ex ministro degli interni dichiara che la Lega non avrà più un leader carismatico e – ecco la notizia – che quel leader potrebbe non essere lui. Un modo diretto per rispondere alle accuse della vice presidente del Senato che gli aveva imputato un “comportamento negli ultimi due anni estremamente duro. Tanto duro da essere sospetto”. Per Rosi Mauro, Maroni vuole “prendersi la Lega” anche se “ogni volta che gli chiedono se ambisce a prendere il posto di Bossi, lui smentisce”.

In realtà – al netto della inevitabile dissimulazione – l'intervista di oggi ribadisce una tattica ormai chiara: Maroni la Lega vuole prendersela eccome, perché ritiene che per salvare il partito occorra assumere in proprio la gestione della casa del Padre. Anche se questa azione non passa necessariamente dalla conquista della cadrega di segretario, ma presuppone – questo sì – un ribaltamento dell'impostazione tribale di gestione del potere. Basta con le acclamazioni e l'accondiscendenza verso il capo, via libera a discussioni aperte senza il timore del peccato di lesa maestà. E possibilmente senza l'ingombro di un Padre ancora molto utile dal punto di vista simbolico, ma ormai inservibile sotto il profilo politico. E' per questo che in apertura Maroni risponde a Cazzullo che gli “pare impossibile che (Bossi) fosse consapevole di quanto accadeva”. Salvo poi ribadire che “se verrà accertato il contrario me ne dispiacerò (…) in ogni caso, stiamo facendo le nostre verifiche interne”. Un po' tiepida come difesa, non trovate?

In realtà alla Lega sta accadendo quanto cercavamo di spiegare qui, ricordando un passaggio di Edmondo Berselli ne Il più mancino dei tiri: per sopravvivere il Carroccio deve trasformarsi da movimento che mira all'unità a partito che persegue l'unitarietà. L'unità ha bisogno del capo carismatico e del grido di battaglia, l'unitarietà di qualcuno che tenga insieme tutti, di un tessitore. L'unità è un punto di partenza (viste le ultime vicende, ormai piuttosto lontano), l'unitarietà un esito, un approdo, una conquista che scaturisce da un processo politico.

Dopo i sospetti di tradimento e di cinismo (Rosi Mauro forse pensava a questo quando parlava di “durezza”), l'impressione è che Maroni – pur deciso a rivoltare il partito come un calzino – non ritenga più di essere spendibile come pacificatore e tessitore. Questo è il motivo per il quale potrebbe farsi da parte (“non mi considero anziano, ma certo faccio parte della prima stagione”) e lasciare il campo a quella che definisce “Lega 2.0”.

Questa mossa ricorda molto il D'Alema degli ultimi anni, apparentemente defilato, manovratore desideroso di lanciare volate e stoppare velleità, ma sostanzialmente lontano dall'assunzione in prima persona di responsabilità dirette. Secondo alcuni – e anche per chi scrive – questo ha rappresentato un impoverimento per tutta la sinistra. Fossi un leghista consiglierei a Maroni di non commettere lo stesso errore.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. D'Alema Maroni Lega Bossi

permalink | inviato da Attentialcane il 15/4/2012 alle 18:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


12 aprile 2012


LEGA: MARONI E' L'ALLENATORE PER NON RETROCEDERE

"Io sono e resterò il garante dell'unità della Lega". La dichiarazione di Umberto Bossi dopo l'adunata di Bergamo e il discorso di Bobo Maroni mi ha fatto tornare in mente una sottile distinzione concettuale dell'indimenticato Edmondo Berselli.

Ne Il più mancino dei tiri, un libro cult che prende le mosse dalle gesta pedatorie di Mariolino Corso e si occupa con un'ironia anarcoide di un sacco di altre cose (e naturalmente anche di politica), Berselli individua due idee che a tutta prima potrebbero sembrare pressochè identiche, ma che identiche non sono. Sia in politica che nel calcio il concetto di unità è diverso da quello di unitarietà.

"L'unità - scrive Berselli - è un valore primario, un dato di base sfuggendo al quale si commettono ineluttabilmente errori colossali. L'unitarietà invece è un criterio complesso, che mette in moto un intero processo politico (...) implica una volontà superiore di comporre le diversità: è un esito ben più che un punto di partenza". E ancora: "Si sta uniti perchè la si pensa allo stesso modo, si è uguali, si viene da lontano; ma si è unitari quando mille rivoli riescono a confluire in un unico torrente finale".

Ecco, quando Bossi si fa "garante dell'unità della Lega", sottolinea il richiamo a quel "punto di partenza" e incarna quel "valore primario". Lo può fare perchè, oltre a inventarsela, la Lega, ne ha forgiato per molti anni strategie e regole di militanza. Regole nelle quali lo spirito di appartenenza viene declinato in forme più o meno spinte di tribalismo. E nelle tribù o si resta uniti intorno ad un capo carismatico o ci si autodistrugge in faide sanguinose.

Roberto Maroni lo sa e non intende opporsi (ora) ad un'impostazione dalla quale ha tratto beneficio egli stesso in tutti questi anni. La sua scommessa - che verrà giocata subito dopo le amministrative - è però rivoluzionaria: portare la Lega verso un approccio più laico e meno scespiriano e, per usare la terminologia di Edmondo Berselli, dall'unità all'unitarietà, facendo confluire le tante anime del Nord in un partito normale in cui si discute, ci si conta e si decide senza paura di tradire il sangue del Padre.

"Unita - scrive Berselli - può essere talvolta una squadra di media classifica, ma l'Inter di Herrera (...), date retta, è una formazione unitaria". La sfida di Maroni è, se volete, molto meno fascinosa: lui deve salvare la Lega dalla serie B.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Lega Maroni Bossi

permalink | inviato da Attentialcane il 12/4/2012 alle 22:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


11 aprile 2012


OI ARISTOI

Sarà l'educazione cattolica, ma non ce la faccio a non provare pietà umana per Umberto Bossi. E anche un po' per Rosi Mauro. Solo che sentire una vicepresidente del Senato della Repubblica italiana dichiarare candidamente "sono sempre stata un asino, lo sanno tutti", devo riconoscere che un po' il cuore lo fa indurire.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Lega Bossi Rosi Mauro

permalink | inviato da Attentialcane il 11/4/2012 alle 22:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


4 febbraio 2011


UMBERTO BUNGA

"Ma adesso che il federalismo muore, il leader della Lega rincula". Massimo Giannini dovrebbe rendersi conto che, mai come in questi tempi, le parole sono importanti.


21 agosto 2010


COTA AL PALCO 3

La proposta Salvati - chiedere al governatore del Piemonte di dare le dimissioni - mi pare, nella migliore delle ipotesi, ardita. Per il resto ok, sono d'accordo: che si rimedi alla gaffe e si inviti Roberto Cota alla Festa Democratica di Torino.
Come comico.


17 agosto 2010


PONTE DI LEGNO BURNING

Come ogni estate i soggiorni a Ponte di Legno sono forieri di fragorose esternazioni. Dopo i governi cocomeri, ora i democristiani di merda. Domani - chissà - la gara di rutti.


5 agosto 2009


TAPPARELLE SALARIALI

 
Non so dove abitiate, comunque qui a Genova cambiare una tapparella ("in alluminio chè sennò la plastica la cuoce il sole e gli dura meno di un anno, gli dura") con tutta la sua bella guida, i cazzi e i mazzi ("si fa un lavoro pulito, bisogna stuccare tutto, non è una cosa da poco"), costa 700 euro 700. Me l'ha appena detto un simpatico operaio-titolarediditta che ho chiamato per il preventivo. Ma simpatico davvero eh, non sono per niente ironico. Insomma, alla fine dei giochi, dopo avergli offerto un caffè e aver parlato un cinque minuti ("le si legge in faccia che lei è di sinistra", e io: "lei invece con quel pizzetto?", e lui: "di destra, ma moderata"), gli ho detto che ci penserò, che francamente mi sembra una bella cifra e che mi farò sentire. Adesso sono qui a chiedermi quanto costa fare lo stesso lavoro a Potenza e se - per caso - la sinistra non debba cambiare faccia.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lega inflazione gabbie salariali

permalink | inviato da Attentialcane il 5/8/2009 alle 18:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


15 maggio 2008


PADANIA MADREEE!

 

A me questo Roberto Cota della Lega fa pensare parecchio a Jean Claude


19 aprile 2008


SI CALMI, GIOVANOTTO

Luca Cordero di Montezemolo 

La Lega dà uno
scapaccione a Montezemolo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. montezemolo confindustria sindacati lega

permalink | inviato da Attentialcane il 19/4/2008 alle 18:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


14 aprile 2008


MA COME SAREBBE?

Prima proiezione sul Senato di Ipsos per Mediaset: Pdl-Lega-Mpa al 47,8%, Pd-Idv al 37,2%.


14 aprile 2008


A NASO

Per me Fini ha portato meno voti della Lega.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ELEZIONI FINI BOSSI LEGA PDL

permalink | inviato da Attentialcane il 14/4/2008 alle 16:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


15 giugno 2007


DOMANDE

Ieri sera, ospite ad "Anno Zero", l’ex ministro Castelli ha detto che la Lega avrebbe visto di buon occhio la formazione di una grande banca del nord. Qualcuno in studio ha osservato che beh allora, anche la Lega è come i Ds: tifa per una parte. Castelli ha risposto beffardo: sì, ma noi non siamo stati intercettati. Gli avrebbero dovuto far notare che il problema è tutto lì. Di più: mettiamo che un esponente della Lega (o Prodi in occasione di un’altra importante operazione recentemente andata in porto) fosse stato intercettato, ritiene Castelli (o Prodi) che le trascrizioni sarebbero state pubblicate sul Corriere della sera?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ds anno zero lega unipol castelli

permalink | inviato da attentialcane il 15/6/2007 alle 10:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        dicembre