.
Annunci online

attentialcane [ politica e occidentalismi ]
 


"Bau bau baby"
                Freak Antoni 


Segui attentialcane su Twitter


Scrivetemi su: maxsorci@yahoo.it

Questo blog è gemellato
con Nonsolorossi.



  
Riassunto, il raccoglitore delle notizie della rete!
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
CIRCUS.IT : XML/RSS/ATOM Feeds Aggregator

Antipixel di Lamianotizia 


5 novembre 2011


TIRARE LA CATENA



Nella catastrofe che ha colpito ieri Genova – e anche la via dove abito io – ritengo questo post assolutamente accessorio, forse inutile e fuori luogo. Una nota che risente, se volete, della paura e del senso di impotenza che si prova di fronte a una cosa così. Della voglia di prendersela con qualcuno, ecco.

Ieri sera ho acceso la tv e su Rai3 andava uno speciale con Maurizio Mannoni. Ho avuto la fortuna di girare proprio mentre Mannoni presentava gli ospiti. C’era Fulco Pratesi, il presidente emerito del Wwf, che sfoggiava un bel panda sul bavero della giacca.

Bene, ancor prima di dire buonasera e due o tre robine doverose sui morti, ha attaccato con l’artiglieria pesante: i cambiamenti climatici e la cementificazione e l’incuria nella pulizia dei rivi eccetera. Cose vere, ma c’è un tempo per ogni cosa e – soprattutto –, nelle recite a soggetto, bisogna saper scegliere i tempi. Non vomitare subito tutto, ché lo spettacolo viene male.

Ma quello che mi ha colpito di più è stata la faccia, gli occhi due fessurine, una maschera di gomma. Pratesi era algido, cattivo, implacabile, privo di pietà. Lui e il suo panda non aspettavano altro, erano due funzionari che se ne fottevano dei morti, del dramma di una città in ginocchio, di un sindaco che come tutti i sindaci cerca – ha cercato – di fare il meglio che può – ha potuto.

E quando ha detto – e l’ho capito che l’aveva preparata, la battuta a effetto – che queste piogge “sono un po’ come degli sciacquoni tremendi”, allora ho deciso che poteva bastare così.


9 ottobre 2007


AVIDI YUPPIES VS. BAMBOCCIONI

Io non posso credere che Fulco Pratesi, presidente onorario del Wwf, abbia mandato a Repubblica la lettera che trascrivo integralmente qui sotto. Sarà stato uno che gli vuole male e che si è firmato col suo nome.

Se sono veri gli allarmi per la salute del pianeta minacciato dall'eccessivo consumismo, i mammoni (bamboccioni per il ministro Padoa Schioppa) dovrebbero essere insigniti di benemerenze ecologiche e non solo. Grazie al loro permanere in famiglia riducono la necessità di costruire nuovi monolocali, di acquistare nuovi elettrodomestici e nuove auto (bastano quelle dei genitori). In più la loro presenza rimedia a uno dei maggiori problemi degli anziani, la solitudine, e contribuisce al bilancio famigliare. Capisco che in un mondo governato da uno sviluppismo frenetico questo sia inaccettabile, ma se si tiene conto dell'importanza primaria di salvare l'ambiente, meglio i bamboccioni degli avidi yuppies in Suv e in acquascooter”.

sfoglia     ottobre        dicembre