.
Annunci online

attentialcane [ politica e occidentalismi ]
 


"Bau bau baby"
                Freak Antoni 


Segui attentialcane su Twitter


Scrivetemi su: maxsorci@yahoo.it

Questo blog è gemellato
con Nonsolorossi.



  
Riassunto, il raccoglitore delle notizie della rete!
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
CIRCUS.IT : XML/RSS/ATOM Feeds Aggregator

Antipixel di Lamianotizia 


31 agosto 2010


PENNACCHI MANDA AFFANCULO DON GALLO E UN PO’ ANCHE MARCHIONNE

 
Su questa faccenda di Mondadori evasore sollevata da Repubblica e su cui si sono espressi in tanti (su tutti scelgo il bell'articolo di Giulio Mozzi, che contiene link molto interessanti, e questo dei Wu Ming, scovato grazie a Cronachesorprese), ecco, su questa ennesima campagna a perdere della sinistra, ritengo che le parole definitive le dica – in due riprese – Antonio Pennacchi.

Il vincitore dell’ultimo Strega, intervistato dal Secolo XIX giorni fa,
aveva dichiarato: «Ma le sembra che un operaio si dovrebbe licenziare perché il suo padrone non è comunista? Gli operai non dovrebbero lavorare per Elkann e Montezemolo? Secondo lei Rizzoli e Feltrinelli sono dei rivoluzionari? Ma non diciamo cazzate...» (corsivi miei).
 
Discorso che, se ci pensate bene, non fa una piega, e che sarebbe da opporre anche a Sergio Marchionne quando - specularmente - pretende che gli operai non solo non si debbano licenziare ma si mettano una ramazza nel culo e spazzino la fabbrica.
 
In quella intervista Pennacchi aveva anche invitato Don Gallo – che, invece, aveva deciso di abbandonare la casa editrice di Berlusconi in segno di protesta – a “pensare alla Chiesa”. E, per rendere più chiaro il concetto, lo aveva mandato "affanculo”. Naturalmente Don Gallo ha risposto (“Pennacchi pensi agli evasori”) e Pennacchi non si è fatto pregare. Ha controreplicato oggi, sempre sul Secolo XIX, dicendo altre parole di assoluto buon senso:
 
«Fammi capire, don Ga’: non lo ha risolto Prodi in quattro anni di governo il conflitto di interessi, e adesso vuoi che te lo risolva io? La rivoluzione ve la debbono fare – da soli – gli autori Mondadori? E i Padri della Patria chi sarebbero a questo punto, Rizzoli e Feltrinelli? Paolo Mieli premier? Don Ga’, se tu non lo sai, queste a casa mia si chiamano contraddizioni in seno alla borghesia» (corsivi ancora miei).

sfoglia     luglio        settembre