.
Annunci online

attentialcane [ politica e occidentalismi ]
 


"Bau bau baby"
                Freak Antoni 


Segui attentialcane su Twitter


Scrivetemi su: maxsorci@yahoo.it

Questo blog è gemellato
con Nonsolorossi.



  
Riassunto, il raccoglitore delle notizie della rete!
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
CIRCUS.IT : XML/RSS/ATOM Feeds Aggregator

Antipixel di Lamianotizia 


21 febbraio 2012


LA RUSSA NON E' PIU' LUI

La Russa, ospite di Chiambretti, reagisce malino quando uno studente saputello gli chiede come mai suo figlio ha sostenuto l’esame da avvocato in Calabria dopo aver cambiato residenza. In realtà è una cosa che hanno fatto in tanti, anche senza essere figli di La Russa. Ma non è di questo che volevo parlare. Quello che volevo invece sottoporre alla vostra attenzione è un fatto se volete sconvolgente: rispetto alle passate performance l’ex ministro della Difesa appare un po’ arrugginito, meno aggressivo, piu' pensoso, diciamo. Neanche un vigliacco reiterato e sputazzante o un Tony Coglione, insomma il minimo sindacale. E questi sono segni inequivocabili.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. la russa celestini chiambretti

permalink | inviato da Attentialcane il 21/2/2012 alle 22:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


21 novembre 2011


PERCHE' LA RUSSA AVRA' SEMPRE TORTO ANCHE CON UN MINIMO DI RAGIONE

Il self control non è il tratto principale del carattere di Ignazio La Russa. Un anno fa ad Annozero fece una scenata contro uno degli studenti santoriani in studio urlandogli una decina di volte “vigliacco” e “fifone”. A febbraio di quest’anno ha pestato i piedi a Corrado Formigli che voleva intervistarlo. Ieri sera, ospite su la7 della trasmissione “In onda”, ha dato del coglione ad Ascanio Celestini.

 Al termine del monologo – in verità un po’ noioso, questo va detto – in cui l’attore ricostruiva le gesta di due tizi (italoamericani?) chiamati Tony Mafioso e Tony Corrotto, l’ex ministro è uscito un po’ dai gangheri. Dopo aver premesso che a lui “piace il cabaret”, è andato giù duro – “lei non fa ridere nessuno” – fino al mortarone finale: “Tony Coglione”. E poi – sfumando, in coda – “non si può dire coglione al giornalista? Si può dire, si può dire. Sì che si può dire”.

Anche a me la performance di Ascanio Celestini non è piaciuta. Questione di gusti. Però sui gusti si deve saper disputare da gente normale, senza passare all'offesa personale. E l’ex ministro ha perso l’ennesima occasione di dimostrarsi amabile, diciamo così. In fondo sarebbe bastato limitarsi a dire “lei dice cose sciocche”. E se avesse anche aggiunto “lei, secondo me, denota pigrizia intellettuale”, avrebbe vinto gioco, partita e incontro.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. La Russa Celestini

permalink | inviato da Attentialcane il 21/11/2011 alle 22:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


16 dicembre 2010


LA SINISTRA CHE VORREI (o anche BAR SANTORO)

L'unica cosa politicamente rilevante che lo studente dalla barbetta morettiana doveva fare (ma non ha fatto) stasera da Santoro quando il ministro La Russa gli ha urlato per la decima volta "vigliacco" era dire, pacatamante e fissandolo dritto negli occhi: ok, ti aspetto fuori senza scorta e senza telecamere.

p.s. e porta pure quel prete di Casini


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. casini anno zero santoro la russa

permalink | inviato da Attentialcane il 16/12/2010 alle 22:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia     gennaio        marzo