.
Annunci online

attentialcane [ politica e occidentalismi ]
 


"Bau bau baby"
                Freak Antoni 


Segui attentialcane su Twitter


Scrivetemi su: maxsorci@yahoo.it

Questo blog è gemellato
con Nonsolorossi.



  
Riassunto, il raccoglitore delle notizie della rete!
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
CIRCUS.IT : XML/RSS/ATOM Feeds Aggregator

Antipixel di Lamianotizia 


30 giugno 2011


E SE CONVENISSE TENERSI IL PORCELLUM?

E’ cominciata oggi la raccolta di firme per il referendum Passigli che propone l’abolizione di alcune norme del cosiddetto porcellum, la legge elettorale con la quale siamo andati a votare alle ultime consultazioni politiche. In rete è già iniziato il tam-tam. Uno dei quesiti vuole cancellare le liste bloccate e questo è – come si può ben capire – il cavallo di battaglia dei referendari. Che democrazia è quella che non permette di scegliere il candidato, ma che delega tutto alle segreterie dei partiti? Quantomeno monca, diciamo... continua a leggere


7 gennaio 2008


ALCUNE COSE BUTTATE LÌ SULL’ANTIVELTRONISMO

Di Veltroni non amiamo praticamente nulla e non stiamo a ripetere cose già dette in varie occasioni. Però. Però mi pare che adesso si debba dire una cosa: a forza di realismo politico stiamo tornando ai tempi della centralità della Dc. Ho letto l’ultima cosa su Left Wing e condivido tutta la prima parte: Veltroni non può dire, tra le altre cose, che il sistema elettorale tedesco produrrebbe la Grande Coalizione. Non può dirlo perché fino al giorno prima ha sostenuto che quel sistema avrebbe generato il ritorno alla politica dei due forni, il che è l’esatto contrario. Chiedo: allora va bene la politica dei due forni? Certo, occorre smascherare Veltroni e la sua vocazione maggioritaria che altro non sarebbe che puntare ad una sconfitta onorevole per militarizzare il Pd e proporre – poi – una riforma costituzionale ben più rivoluzionaria (e con chi?). Che vada piuttosto al congresso con quella riforma e se la giochi.
Tutto sacrosanto. Però – ripeto – a che serve andare alla pugna al congresso se nel frattempo si dovrà trasformare, complice una legge elettorale schiettamente proporzionale, il Pd nella nuova Dc? Sempre ammesso che la Dc, quella vera, non la rifacciano altri.
Io mi domando: se la linea Veltroni non era il migliore dei mondi possibili (e non lo è) come mai si è rinunciato alla battaglia in sede di primarie? Perché Bersani se ne è stato acquattato? Perché si è accettato – più o meno tutto il gruppo dirigente Ds – di presentare liste collegate a Veltroni, da “pizzicagnoli per Veltroni” a “Lotta Comunista per Veltroni" giù giù per li rami fino a “Per Veltroni hip hip hurrà”?
Non sarà che, anche in quell’occasione, come in tante altre – a partire dalla infausta proposta di avere Prodi come leader alle ultime politiche – è mancato coraggio? E che manchi purtroppo anche adesso?


2 gennaio 2008


OK, SI RICOMINCIA

Franceschini parla di sistema francese con elezione diretta del presidente e doppio turno, di modello del sindaco d'Italia e – in ultimo – di “sistema proporzionale con sbarramento almeno al 5 per cento”. Il tutto in una sola intervista.


24 novembre 2007


IL SOLITO PESSIMISTA

D'Alema sul Corriere della sera e Latorre sul Riformista ritengono che con il "tedesco" il bipolarismo rischi poco o nulla. Per D'Alema la sfiducia costruttiva è, tra le altre cose (riforma dei regolamenti parlamentari in primis), un argine al ritorno alla prima repubblica. Io ho paura che sia soltanto un argine dopo che il governo si è formato e non prima per scongiurare la cosiddetta politica dei due forni (o delle mani libere). E questo, per me, è un passo indietro. Per Latorre però, oltre alla sfiducia costruttiva, "il vincolo politico è mille volte più stringente del vincolo giuridico che ti obbliga a dichiarare in partenza le alleanze". Sarà. Io così fiducioso non lo sarei.


23 novembre 2007


E’ TUTTO UN COMPLESSO DI COSE

Alla Cosa rossa pare aggiungersi ora una Cosa bianca. Ieri addirittura qualcuno paventava una Cosa bianconera, ma poi Fini ha detto che con Casini c’è comunione di intenti ma di fondersi non se ne parla. E gli orfani del bipolarismo Coppi-Bartali seduti lì, in cima a un paracarro.


20 novembre 2007


BRAMBILLONI

Prendete tutto con le molle, visti i tempi, ma se Berlusconi bluffasse e stesse soltanto prendendo tempo? Mettiamo che lui non voglia il sistema proporzionale ma andare semplicemente al referendum e poi presentarsi da solo. E a Veltroni stia bene. Questo non sarebbe l'unico patto che rivoluzionerebbe il panorama politico? A noi non è che dispiaccia un accordo così. Però lo avremmo voluto prima. E soprattutto avremmo voluto che non lo facessero Veltroni e Brambilla.

p.s. poi può essere che mi sbagli e che domani mattina la Santanchè faccia la marcia su Roma.


11 novembre 2007


COSICCHE'

Walter Veltroni: "Passare dalle alleanze fatte prima del voto e con il programma fatto dopo, al contrario. Si fa un programma e su quello si verifica chi è d'accordo e chi lo è si presenta insieme alle elezioni cosicchè i cittadini votano quello sapendo qual è il programma e qual è l'alleanza".
Non ho capito una cosa: ma se uno è d'accordo col programma di un altro lo deve dire prima del voto o no? Oppure il contrario? Ma - poi - il contrario de che?

sfoglia     maggio        luglio