.
Annunci online

attentialcane [ politica e occidentalismi ]
 


"Bau bau baby"
                Freak Antoni 


Segui attentialcane su Twitter


Scrivetemi su: maxsorci@yahoo.it

Questo blog è gemellato
con Nonsolorossi.



  
Riassunto, il raccoglitore delle notizie della rete!
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
CIRCUS.IT : XML/RSS/ATOM Feeds Aggregator

Antipixel di Lamianotizia 


31 maggio 2004


RELATIVISMO CULTURALE

Strepsiade: Ma non si usa da nessuna parte picchiare il padre
Fidippide: Ma chi ha stabilito questo uso era uomo come me e te e l’ha imposto con la forza della parola (…) ma tu guarda i galli, e gli altri animali, come tengono testa al padre. E che differenza c’è tra noi e loro, a parte che non scrivono decreti?
Strepsiade: Se vuoi imitare i galli in tutto perché non mangi merda e non dormi appollaiato su un bastone?

(AristofaneLe nuvole)




permalink | inviato da il 31/5/2004 alle 22:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


31 maggio 2004


FISIOGNOMICHE CONTURBANTI

  Provate a togliere gli occhiali e a mettere un bel turbante nero.




permalink | inviato da il 31/5/2004 alle 22:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa


31 maggio 2004


PER FAVORE PERDETE!

Esulta il livornese Emmebi.
Gongola il palermitano Rudy.
Blogorrea ricorda il Cagliari.
Io, che tengo per ‘sti qui, dopo essermi illuso per più di metà campionato, dico: se arriviamo settimi mi arrabbio di brutto.




permalink | inviato da il 31/5/2004 alle 19:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


31 maggio 2004


ECCO LA GRUBER DEL FOLAGRA




permalink | inviato da il 31/5/2004 alle 7:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


30 maggio 2004


VARRIALE IN TRIBUNA

Come amante del calcio, come cittadino medio italiano e come cultore del buon senso, esigo – e sottolineo, esigo – che la Rai inibisca a Varriale di stare a bordocampo a sentire gli umori profondi del rettangolo di giuoco.
E se non vinciamo gli Europei, io l’avevo detto.




permalink | inviato da il 30/5/2004 alle 22:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


30 maggio 2004


LA CULTURA E’ UNA VERDURA

Leggo spesso ciò che scrive Stefano Bartezzaghi.
A Paolo Di Stefano, che l’ha intervistato per “Io donna” e gli ha chiesto quale sia il suo sogno di felicità, ha risposto:
(…) vivere di lavoro culturale: temo che stia diventando un sogno realizzabile da sempre meno aspiranti.
E ho pensato una cosa di per sé matematicamente ovvia: quando aumenta a dismisura il numero degli aspiranti, allora diventa statisticamente meno probabile che tutti riescano a realizzare il sogno cui aspirano.
E così, lasciando andare la mia “testa domenicale” che può permettersi dunque di scorrazzare libera dalle sinecure lavorative, mi sono tornati in mente due schizzetti di Ennio Flaiano: “Tutti scrivono. Chi non scrive sta raccogliendo materiale. Se il miracolo culturale va avanti, avremo uno scrittore ogni cento abitanti”. E ancora: “Dipingono tutti. Il guaio è che dipingono male perché, non avendo niente da dire, raccontano menzogne; e, non avendo fantasia, raccontano le menzogne degli altri”.

P.S. Il titolo è liberamente tratto da questa canzone qui.




permalink | inviato da il 30/5/2004 alle 10:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


29 maggio 2004


VA A FINIRE CHE SMETTO

Occhiello: Sempre più diffusi oggetti e tendenze che aiutano a guardarsi e ad esibirsi a distanza. Una vita a puntate
Titolo: Webcam, blog e videotelefonini ecco i ragazzi della reality generation
(La Repubblica)




permalink | inviato da il 29/5/2004 alle 15:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


29 maggio 2004


NON C'E' TRIPPA PER GATTI

Qualcuno potrebbe spiegare a questo signore che è inutile - almeno per quanto ci riguarda - incellofanare i suoi santini nel Corriere della Sera Magazine?

Noi si legge il Corsera perché è il migliore quotidiano italiano non perché si è pantofolai e – dunque – possibili elettori democristiani.

 




permalink | inviato da il 29/5/2004 alle 15:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa


29 maggio 2004


MICK JAGGER E MASTRO LINDO PARI SONO

Ieri sera, mentre stavo lavando i piatti, ascoltavo la radio.
Ad un certo punto hanno dato uno dei migliori pezzi dei Rolling Stones.
E così mi sono sorpreso a sgrassare di brutto, sotto il latrato giovanilistico di Mick Jagger che mi incitava: “Don’t stop, honey don’t stop”.
Altro che Mastro Lindo.




permalink | inviato da il 29/5/2004 alle 11:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


28 maggio 2004


ABU GRAIB DOMESTICA

Libero Gilera – che poi sarebbe il mio padrone – ha scritto questa boiata al Riformista sulla vicenda degli incappucciati ricevuti dal Presidente della Provincia di Roma.
Per me se sta a allargà.

P.S. Stasera, quando torna a casa, faccio finta di sbranarlo, così impara a fare lo spiritoso.




permalink | inviato da il 28/5/2004 alle 15:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


28 maggio 2004


C'HO IL MIO FORATTINI

Finalmente, dopo settimane di marcatura ad uomo e di calci negli stinchi ho convinto il “Folagra” – vignettista militante - a perdere un po’ di tempo per me.





permalink | inviato da il 28/5/2004 alle 15:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


27 maggio 2004


DISCIAMO FRANCAMEEENTE

Guia Soncini: E' affascinante questo tono: sbaglio o mi si sta rivolgendo come a una povera demente?
D'Alema: Ma guardi, lo dico anche con simpatia.

Copiato e incollato da Orfini che ringrazio pubblicamente.




permalink | inviato da il 27/5/2004 alle 22:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


27 maggio 2004


E' RICCO MA NON E' SNOB

Dopo avervi propinato il test dell'Udc per scoprire se in voi è nascosto un democristiano, adesso leggete qui 10 buoni motivi per votare Berlusconi.
Ditemi qual è il più convincente please.
(via Achille)




permalink | inviato da il 27/5/2004 alle 17:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa


27 maggio 2004


GRUBER E MONTEZEMOLO A CAPO DELLA SINISTRA

A Massimo Gramellini che lo ha intervistato per La Stampa, Michele Santoro ha detto della Gruber: "Lilli può diventare una leader".
Sempre a proposito di leader Mario Adinolfi vaticinò - se non ho capito male -Luca Cordero di Montezemolo come nuovo capo della sinistra italiana.
Un tandem così sarebbe assolutamente inedito.




permalink | inviato da il 27/5/2004 alle 16:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa


27 maggio 2004


FACCIA DA BRUNCH

Ma perchè si dice coffee break o brunch e non ricreazione?
E - soprattutto - perchè tutti si ingozzano come carrettieri?
(Lebowsky)




permalink | inviato da il 27/5/2004 alle 15:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


26 maggio 2004


A LIVELLO DI LOGICHE

Sperimentare forme più radicali di protesta…
Piattaforme politiche…
Grande manifestazione di massa…
Sudditanza alla cultura della guerra…
Bloccare la città come segnale forte…
Dal blocco della produzione a quello della circolazione…


Se non vi basta questo assaggio, qui trovate tutta l’intervista rilasciata dal disobbediente Caruso a quelli di Aprile.
Alè!




permalink | inviato da il 26/5/2004 alle 21:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


26 maggio 2004


E SE NASCE UNA BAMBINA POI LA CHIAMEREMO ROMA

Non esistono più franchi, marie, giuseppi ed ernesti.
Ma il giudice può sostituirsi al buon senso.




permalink | inviato da il 26/5/2004 alle 14:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


26 maggio 2004


VIVA LA FOCA

Luca Sofri parla di quelli che lisciano il pelo al pubblico:
"Ci caschiamo tutti, prima o poi, certo: io l'anno scorso commentai la reiterazione dell'elogio del golpe cileno da parte di Giuliano Ferrara con un teatrale 'questa è una cazzata'. Vero, ma facile, paraculo e vuoto. Mentre lo dicevo mi immaginai le migliaia di persone ammodo e di sinistra che a casa dicevano 'bravo sofri, gliele hai cantate finalmente'. Troppo facile".
Oh... io ci provo: Dio la benedoca!




permalink | inviato da il 26/5/2004 alle 13:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


25 maggio 2004


AD INFINITUM

E’ da stamattina che volevo segnalarvi questo condivisibilissimo pezzo di Luigi Manconi che ha per titolo "Civetterie senili" e dice pressappoco così: parlare sempre fuori dal coro pigliando di petto i luoghi comuni può diventare un esercizio prevedibile. Il Foglio, a forza di sparare contro il politicamente corretto, si è trasformato in un “imbolsito routinier”.
Problema: se l’anticonformista è il moderno conformista, non può capitare che sia più conformista dire che l’anticonformista sia il moderno conformista? E che sia ancora più conformista colui che dice che è sicuramente più conformista affermare che l’anticonformista sia il moderno conformista?
Eccetera, eccetera.




permalink | inviato da il 25/5/2004 alle 22:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


25 maggio 2004


MAIEUTICA

Un simpatico giochino ideato dall’Udc per captare il voto degli indecisi.
Coraggio, fai uscire il democristiano che c’è in te.
(via Strelnik)




permalink | inviato da il 25/5/2004 alle 18:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


24 maggio 2004


VORREI UN MAGGIOLONE TUTTO PAZZO

Beppe Severgnini, con la lepidezza che ne contraddistingue la cifra stilistica, accusa gli italiani di conformismo: comprano tutti le auto grigio-metalizzato.
Il pezzo (eccolo) ha slatentizzato in me un ricordo d’infanzia molto doloroso: perché mio padre, invece che comprare una Prinz verde smeraldo – come mio fratello ed io caldeggiavamo – optò per una più conformistica Fiat 850 Special bianca?
Io dico che, prima di tranciare giudizi così definitivi, Severgnini dovrebbe accertarsi del vissuto profondo di tutti i suoi lettori.

(Se leggi il mio blog, allora eccoti la verità, papà: è colpa tua se adesso non riesco a dotarmi neanche – chessò – di un Maggiolone giallo limone. Non smetterò mai di rinfacciartelo).




permalink | inviato da il 24/5/2004 alle 22:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa


23 maggio 2004


A QUALE LIVELLO ARRIVI?

Non ci avevo ancora pensato, ma mi sa che per il videogioco ispirato ai fattacci di Abu Ghraib sia ormai questione di giorni.
(Susan Sontag via Federico Rampini)




permalink | inviato da il 23/5/2004 alle 22:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


23 maggio 2004


BARBARA PALOMBELLI MAMMA DEI DIACHI

Lo dico e me ne assumo tutta la responsabilità: nella sua attenzione a pronunciare bene la “t” e nel suo strascicare la domanda per farla sembrare interessante e profonda Barbara Palombelli mi sembra faccia il paio con Pigi Diaco.
Esempio su cui lavorare tutti insieme: “Cosa ne pensa lei tell’intervento Usa, sì, perché è importante, da questa angolazzziòne, sapere cosa ne pensa un segmento importante tella società, italiana e non, su questa guerra che sta timostrantosi maletettamente tifficile. Cosa ne pensa lei? Tal suo punto ti vista, voglio tire?”.




permalink | inviato da il 23/5/2004 alle 15:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa


22 maggio 2004


REALITY SNOB

Il solito snob.
Cattaneo dice che "La Talpa" e "L'Isola dei famosi" sono stati tra i punti più bassi del servizio pubblico tivvù.
C'è un altro modo però di essere snob: dire che i reality sono la nuova frontiera della televisione.




permalink | inviato da il 22/5/2004 alle 23:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa


22 maggio 2004


TORNO A CASA, RITORNO E LI RIBOMBARDO

Me ne frego se qualcuno lo ha già messo in evidenza.
Leggete qui.




permalink | inviato da il 22/5/2004 alle 22:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


22 maggio 2004


CHE SI ENTRI NEL MERITO

Leggo quasi sempre “L’amaca”, la rubrica che Michele Serra tiene quotidianamente su La Repubblica. Per due motivi: perché è scritta bene e perché, spesso, non sono d’accordo con la sostanza di quello che viene scritto.
Oggi si dileggia l’articolo con il quale Angelo Panebianco ha condannato (ieri sul Corsera) la ormai famosa – o famigerata, fate voi – mozione unitaria della sinistra per il rientro dei nostri militari dall’Iraq.
Serra sbeffeggia il politologo, reo di aver utilizzato per ben 4 volte 4 la parola“massimalismo”: “Era dai tempi di Turati e della Balabanoff (…) che (…) non veniva così intensamente evocato. (…) stupisce che uno stimato politologo utilizzi ancora, a fini polemici, nell’anno 2004, categorie politiche che suonano alle nostre orecchie più o meno come i canti delle mondine… si tagli i baffi a manubrio e torni tra noi”.
Dunque pare di capire che di questione nominalistica e pilifera si tratti.
Chiamiamolo Nando e non Massimalismo occhei?
Palla al centro e ci spieghi Serra un po’ meglio la sostanza; affinché noi si sia in grado di capire – anche stavolta – il motivo della nostra contrarietà… assolutamente preconcetta.




permalink | inviato da il 22/5/2004 alle 16:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


21 maggio 2004


UNA QUESTIONE DI EDUCAZIONE

Purtroppo noi si è costretti per varie ragioni a stare in casa il venerdì sera e a guardare “Ottoemezzo”.
E ci si adonta vieppiù quando si sente Pecoraro Scanio affermare, forte della sua immagine di agit prop alle bio-vongole: “Il governo deve governare e chi è all’opposizione fa il corteo”.
E poi: “Noi Verdi fummo contrari anche all’intervento in Kosovo”.
Si spegne la tivvù e si gioca a pallone col bambino, nella speranza che non abbia sentito nulla.




permalink | inviato da il 21/5/2004 alle 22:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


21 maggio 2004


RIVULTANTE VERAMENTE

Sì, avrà frequentato pure la scuola di recitazione.
Avrà fatto una gavetta che non ti dico.
Sarà anche capace di affrontare un testo di Pirandello.
Però su Sconsolata ha ragione Guia Soncini: è Abatantuono con la gonnella.
Gianluca Neri la mette più sul personale: “Quella che ammazza quanto è autoironica se si veste così! Autoironica un cazzo. Quella – mi gioco quel che volete – ora si sente pure figa”.
Io trovo che il personaggio Sconsy sia semplicemente rivoltante.
Per il resto non saprei.




permalink | inviato da il 21/5/2004 alle 16:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


21 maggio 2004


DAMMI TRE PAROLE

Ora, non è che non l’avessi letto il testo del nuovo inno triciclista (ieri sul Corriere della Sera). E’ stata un po’ la mancanza di tempo, un po’ la volontà di non infierire che mi hanno fatto desistere dal commentarlo, vista anche la cosetta successa in Parlamento.
Poi stamattina qualcuno dice che quelle parole sarebbero un motivo più che plausibile per non votare la lista riformista. E allora assume rilevanza il tentativo di un’esegesi serena, oggettiva, seria, almeno su alcune frasi.

Titolo: "Tutti insieme"
Testo: Abbiamo scarpe per camminare / abbiamo sogni da cantare / su questa strada sconquassata e lunga / ma la speranza non finisce mai / Ci vuol pazienza, ce n'è da fare / con tante cose da cambiare / ma testa dura e cuore sulla bocca / senza paura adesso tocca a noi / Tutti insieme nel mondo di domani / e là nessuno indietro resterà / se non è come te / Tutti uniti a fare una canzone / con chi è capace di volare tra pace e libertà / Abbiamo in tanti la sensazione / che sono anni di cartoni / un fritto misto di televisione / e tutto il resto non esiste più / Invece vivi e fai progetti / coi ragazzini e coi vecchietti / a chi promette solo mari e monti / non fare sconti adesso conti tu

- Il richiamo iniziale alle scarpe ci piace, ma sarebbe stato opportuno entrare più nel dettaglio. Cosa sono? Mocassini o stivali? Con tacco o senza? C’è il sospetto che, per non dividersi, si sia optato per una mozione unitaria che richiamasse più semplicemente il genere “scarpa” invece che la “specie”.

- La testa dura è il precipitato puro del “medianismo” alla Ligabue, il ringhio di Gattuso, la cattiveria leale di Oriali, il non-mollare-mai, non fuggire la responsabilità, niente coda tra le gambe, il coraggio nel dar sangue e muscoli alle proprie scelte.
Occhei, può bastare così.

- Il cuore sulla bocca può essere invece un tributo – dovuto – al Fabrizio de Andrè del “Malato di cuore”, quello che – nonostante la malattia – a forza di baciare cosce color madreperla lascia il cuore sulle labbra dell’amata. Mi sa che qui c’è l’etica – tutta cristiana - del sacrificio e la macerazione delle carni. Un’apertura canora alla ruota cattolica del Triciclo. O forse – più semplicemente – si voleva, fortissimamente, pervicacemente, con logica frontista, la parola “cuore”.

- Il mondo di domani nel quale indietro nessuno resterà, invece, è il sostituto del “sole dell’avvenire” ed è – chiaramente – un occhio strizzato a quelli del Correntone e a tutta la galassia informe dei rivoluzionari in doppiopetto: tranquilli non ci siamo dimenticati il sole.


- Sul fritto misto, sui cartoni, sui ragazzini e sui vecchietti non saprei dire. Ma mi sa che rappresenta la terza ruota: l’amore.




permalink | inviato da il 21/5/2004 alle 11:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


20 maggio 2004


ALTRO CHE CAMORANESI!

Bene.
Luca Sofri si emoziona a ricordare “Argentina ‘78”.
Io su quel mondiale potrei dire soltanto:
Zoff, Gentile, Cabrini, Benetti, Bellugi, Scirea, Causio, Tardelli, Rossi, Antognoni, Bettega.

P.S. Se Vogts non avesse salvato di tacco sulla linea in Italia-Germania del 14 giugno... non lo so.




permalink | inviato da il 20/5/2004 alle 21:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile   <<  1 | 2 | 3  >>   giugno