.
Annunci online

attentialcane [ politica e occidentalismi ]
 


"Bau bau baby"
                Freak Antoni 


Segui attentialcane su Twitter


Scrivetemi su: maxsorci@yahoo.it

Questo blog è gemellato
con Nonsolorossi.



  
Riassunto, il raccoglitore delle notizie della rete!
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
CIRCUS.IT : XML/RSS/ATOM Feeds Aggregator

Antipixel di Lamianotizia 


31 maggio 2007


AUREOLA



Ci sarebbe da sottolineare l'assoluta suggestione del titolo: “Vescovi contro S.Oro




permalink | inviato da il 31/5/2007 alle 16:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


31 maggio 2007


ECCO IL PROBLEMA

Prodi ha deciso chiaramente di lavorare per un incanaglimento generico della lotta politica, puntando sulla nomina di un coordinatore del Pd che badi alla disciplina delle truppe senza ambizioni di guida del paese e di strategia politica per il futuro, perché il suo obiettivo è durare, inasprire lo scontro con Berlusconi, personalizzarlo ulteriormente, e vivere di rendita sul peggio del passato puntando poi, la fortuna aiutando, al ruolo emerito di presidente della Repubblica. Ambizioni scandalosamente modeste e immodeste insieme”.

Pare sia stato raggiunto un compromesso al rialzo (per tutti) e al ribasso (per Prodi), ma l’analisi di Giuliano Ferrara oggi sul Foglio mi pare ineccepibile.




permalink | inviato da il 31/5/2007 alle 10:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


31 maggio 2007


PRIMARIE

Martedì Giulio Santagata a Ballarò l’ha lasciato intuire (per quel poco che ho visto). Ieri sera – che era mercoledì – a L’Infedele l’ha detto chiaro e tondo: tenete conto che Prodi ha preso 3 milioni e mezzo di voti alle primarie.
So benissimo che le cose sono molto aggrovigliate e che non è il caso di semplificare, ma se stasera dovesse essere ospite in qualche altro talk show dica se se la sente di riappellarsi - stavolta davvero - al popolo delle primarie




permalink | inviato da il 31/5/2007 alle 9:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


30 maggio 2007


SPECULARE

Peggio di quelli che la-famiglia-tradizionale-e-basta ci sono quelli che e-allora-marsciano?




permalink | inviato da il 30/5/2007 alle 14:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


30 maggio 2007


CITANDO BRECHT

In questa intervista a Romano Prodi ad un certo punto Massimo Giannini gli chiede:
«Lei rischia di fare come diceva Brecht: "il popolo ha chiesto al comitato centrale di cambiare le sue decisioni, il comitato centrale ha deciso di cambiare popolo"...».
Risposta: «
una cosa deve esser chiara. Io non ho nulla da perdere, ho messo a disposizione del Paese le mie esperienze…».
A ‘sto punto bisognava chiedere: «Lo sa presidente che c’è un’altra frase di Brecht che dice: “beato il popolo che non ha bisogno di prodi”? ».

n.b. battuta presa dal direttore.




permalink | inviato da il 30/5/2007 alle 11:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


30 maggio 2007


PISTOLA ALLA TEMPIA



Letto soltanto oggi il pluricitato intervento del professor Vassallo, sono sempre più convinto che Romano Prodi vada ordendo il ricatto definitivo.




permalink | inviato da il 30/5/2007 alle 8:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


29 maggio 2007


COME DICE PIPPO BAUDO, IL TEMPO E’ TIRANNO

“Ma perché io dovrei apprezzare un'idea improvvisata, neanche fossimo alla Corrida (e comunque in tv, dove appunto vige spesso la regola che non conta quel che sai fare, l'importante è improvvisare)?”

Massimo Adinolfi dice la sua sul resoconto di Luca Sofri a 72 ore dall'appello ("idea improvvisata, messa per iscritto e discussa in un pomeriggio"). E intanto l’altro Adinolfi – che di tempo ne ha – la sua propostina l’ha già messa lì.




permalink | inviato da il 29/5/2007 alle 9:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


28 maggio 2007


VECCHIO, DIRANNO CHE SEI VECCHIO

Ancora una cosa preliminare, dopo questo anticipo. Leggendo Repubblica mi chiedo: perchè al posto di Arturo Parisi (che si è detto disposto a farsi da parte) deve andare Matteo Renzi? So benissimo che nell'articolo non si parla di rimpiazzi e che dunque è tutta una mia supposizione. Però si dovrà pur scegliere. Ecco, se posso dire la mia, sarei per mandare Gianni Cuperlo. Anche se qualcuno potrebbe oppormi un argomento inoppugnabile: taci, tu che hai passato i 40 da ben quattro mesi!




permalink | inviato da il 28/5/2007 alle 11:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


28 maggio 2007


CI DEVO PENSARE

Adesso mi ci metto giù di buzzo buono e poi vi dico cosa penso di questo appello, però preliminarmente direi che Pierluigi Diaco, giornalista suona come una provocazione per 28.551.628 di italiani sotto i 40 anni.

IMPORTANTE -
 visto che sono diventato zio da poco più di una settimana, mi chiedevo: in quei 28 milioni e mezzo avranno conteggiato anche il mio nipotino?




permalink | inviato da il 28/5/2007 alle 10:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


28 maggio 2007


UNO CENTO MILLE GIDDENS

“Chiedo: come si fa a fondare il primo partito del nuovo secolo – una forza a vocazione maggioritaria che dovrebbe condurre a sintesi le migliori tradizioni culturali dell’Italia repubblicana – se alla fonte di questo progetto non si alimenta, per mille rivoli, un pensiero originale? Ho sentito dire che il dramma della sinistra italiana negli ultimi anni sarebbe stato non avere a disposizione un Tony Blair. Mi permetto di dissentire. E comincio a pensare che il vero problema, se vogliamo restare in tono, è stato piuttosto non avere Giddens o altri come lui e migliori di lui”.

Gianni Cuperlo centra il problema. La destra americana ha preparato la serie di vittorie di cui è stata protagonista con un lavorio capillare di riviste, think tank, saggi, propaganda, insomma alimentando pensiero. E la cosa era iniziata mica due o tre anni prima.  




permalink | inviato da il 28/5/2007 alle 8:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


26 maggio 2007


VI SCRIVO SEDUTO SU UNO SCATOLONE

Posto il vicinissimo giorno x come data pattuita per il trasloco, il combinato disposto tra inscatolamento-di-tutto-il-mondo-emerso e ultimazione dei lavori nella nuova dimora è un'esperienza da non augurare neanche al tuo peggior nemico.

n.b. la variabile “data x” è fissata dall'agenda (in vero, fittissima) della ditta di traslochi.




permalink | inviato da il 26/5/2007 alle 17:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


25 maggio 2007


ADDAVENI’ MAX WEBER



Ha detto, tra le molte altre cose, Luca Cordero di Montezemolo:
“Nel capitalismo italiano sta crescendo una nuova borghesia che ha coscienza di sé”. Che uno dice: meno male. Anche se sarebbe stato più onesto intellettualmente parlare de la borghesia, così senza inutili scansioni temporali, visto che della vecchia - di borghesia - ci sono notizie frammentarie, almeno da noi. 
E comunque, pensandoci bene, non si capisce perché mai una borghesia finalmente con una bella coscienza di sé e un vago senso calvinista nello sguardo e nella pratica, debba farsi rappresentare da Montezemolo.




permalink | inviato da il 25/5/2007 alle 15:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


25 maggio 2007


L'INCINGHIALIMENTO DELLA POLITICA

«Indicare nei costi il principale peccato della politica, sulla scorta di un paio di libri fortunati, è segno di una pigrizia mentale (...) Il problema essenziale della politica italiana, quello da cui dipendono tutti gli altri, è la sua debolezza, e quindi la sua incapacità di decidere. (…) La politica in questo paese - di destra o di sinistra - non riesce ad assolvere una funzione di governo».

Poi Claudia Mancina – il cui editoriale va letto tutto – dice anche che a sinistra sarebbe ora che qualcuno corresse qualche rischio. Ma, come diceva ieri Ferrara, “se ne stanno tutti ben rintanati, come gli istrici e i cinghiali a giorno pieno”.




permalink | inviato da il 25/5/2007 alle 14:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


25 maggio 2007


SQUADRE ABITUATE A VINCERE

Già quella volta al Circo Massimo i festeggiamenti furono piuttosto scomposti, ora vedere un pullman di ragazzotti su di giri che brandiscono un cazzo di gomma con la maglia del Liverpool, banane gonfiabili e un cartello non proprio oxfordiano, beh, onestamente non è il massimo.




permalink | inviato da il 25/5/2007 alle 9:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


24 maggio 2007


PIU' IMPRENDITIVO DELL'IMPRENDITORE

Dopo la caciarata di Montezemolo, il presidente della Provincia di Roma Enrico Gasbarra dichiara: "Sono d'accordo con l'ipotesi di un business plan di assorbimento, asciugamento delle funzioni istituzionali”. Business plan?




permalink | inviato da il 24/5/2007 alle 17:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


24 maggio 2007


MONTI SI SORPRENDE E PUNTUALIZZA

Secondo me l’editoriale di Mario Monti l’altro giorno sul Corsera (“Sono i tecnici i veri politici”), più che politico o pre-politico o anti-politico, era prima di tutto anti-estetico. E’ per questo motivo che la precisazione di oggi la considero pleonastica. Perchè scusi, dottor Monti, ma non crede che quelli del Corriere avrebbero potuto scegliere un titolo meno – come dire – forte? Siccome pare di capire che no, per lei quel titolo va bene, allora delle due l’una: o lei non sa come va il mondo o, puntualizzando, ci piglia un po' per i fondelli.




permalink | inviato da il 24/5/2007 alle 12:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


24 maggio 2007


E ALLORA QUELLA VOLTA ALDO SERENA?

La punizione di Pirlo ... (Newpress)

Il goal di sedere sarebbe stato pure la sintesi di una carriera, però ricorderei che Pippo Inzaghi i suoi goal li ha sempre fatti.

(Wittgenstein)




permalink | inviato da il 24/5/2007 alle 10:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


24 maggio 2007


STAMPA CATTOLICA

Ieri Jurgen Habermas su Repubblica ha difeso la necessità di sovvenzioni statali ai giornali di opinione. E lo ha fatto con una serie di argomentazioni senz’altro da condividere, prima fra tutte quella che un giornale così è un promotore di dibattito. Oggi Il Foglio – che dallo Stato italiano prende un po’ di quattrini – ripropone la cosa. Anche a costo di fare la figura del becero e di cadere in contraddizione (se scrivo questo post è perchè Il Foglio è un suscitatore di dibattito), io – tuttavia – lo dico: che Ferrara si faccia sovvenzionare dallo Stato Pontificio.




permalink | inviato da il 24/5/2007 alle 9:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


23 maggio 2007


SOCIETA'CIVILEANDPARTIES-FILLED ROOM

A luglio 2005, a San Martino in Campo (PG) per quelli che furono definiti gli Stati Generali dell’Unione, si riunì esattamente l’equivalente di quattro squadre di calcio (qui l’elenco completo dei convocati).
Dal punto di vista della comunicazione politica notai che non fu certo una bella trovata permettere l’uscita di una foto con i 44 giocatori seduti intorno a un tavolone immenso.
Oggi a proposito del Comitato 14 ottobre (il nome è pessimo) lo ribadisco: va bene l’apertura, la democraticità e la necessità di dover tener conto delle diverse sensibilità, però che almeno non facciano entrare i fotografi il giorno della prima riunione.




permalink | inviato da il 23/5/2007 alle 16:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


23 maggio 2007


BRODINO DI COLTURA

Non so a voi, ma a me “Comitato 14 ottobre” fa pensare ad una colonna delle Brigate Rosse.




permalink | inviato da il 23/5/2007 alle 12:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


23 maggio 2007


FARE PRESTO!

Marco Follini nel Comitato promotore del Partito democratico mi crea qualche fastidioso imbarazzo e pure un po’ di preoccupazione perché nella sua presenza vedo delle evidenti contraddizioni con il progetto politico in sé. Ma se entra pure lo slow Carlin Petrini allora la preoccupazione diventa insostenibile. E anche il fastidio, va da sè.

Update - C'è. Petrini c'è.




permalink | inviato da il 23/5/2007 alle 9:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa


22 maggio 2007


PROF AL BAR

Non si accorgono, i critici del ministro dell'Economia, che egli sta difendendo il ruolo della politica, mentre sono essi a comportarsi da tecnici. Sì, da esperti in «tecniche di sopravvivenza», applicate al governo”.

Ora, io potrei anche essere d'accordo con Padoa Schioppa, però ritengo che questo editoriale del professor Mario Monti, prima che essere opinabile – e qui siamo sul terreno della soggettività – sia innanzitutto esteticamente scomposto e un filino qualunquista. E questo è un dato baristicamente oggettivo.




permalink | inviato da il 22/5/2007 alle 21:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 maggio 2007


ALLE 11.30 PESCA DI BENEFICENZA

Non so, ma a me pare che Il Foglio stia un po’ passando la misura. Perché un conto è dare spazio alla Chiesa (che deve avere un suo ruolo pubblico, ok), un altro è trasformare un quotidiano in un bollettino diocesano.

«L’Arcivescovo di Genova Angelo Bagnasco ha aperto ieri con la sua prolusione la 57ª assemblea generale della Conferenza episcopale italiana. L’incontro degli oltre 200 presuli della penisola ha come tema principale quello della missione della chiesa. Nel corso dei lavori verrà presentata e approvata la “Nota pastorale” dopo il 4° Convegno ecclesiale nazionale di Verona. I lavori assembleari proseguiranno con la richiesta di approvazione del Repertorio nazionale di canti per la liturgia. Durante l’assemblea verranno fornite alcune comunicazioni sull’incontro-pellegrinaggio dei giovani coni il Papa dell’1 e 2 settembre 2007 a Loreto, la prima delle tre tappe dell’itinerario di attenzione al mondo giovanile “Agorà dei giovani italiani” che include anche la partecipazione alla Giornata mondiale della gioventù prevista a Sidney nel 2008; sulla 45ª Settimana sociale dei cattolici italiani che si celebra a Pistoia e a Pisa dal 18 al 21 ottobre 2007; sulla preparazione del 49° Congresso eucaristico internazionale in Quebec in Canada e del 25° Congresso eucaristico nazionale di Ancona».

Che poi a me pare anche un odg di una riunione di condominio.




permalink | inviato da il 22/5/2007 alle 15:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


22 maggio 2007


ATTENTIALCANE SALUTA LA CAROVANA ROSA

Stamattina ho visto in azione un paio di carroattrezzi che portavano via macchine e moto davanti allo sguardo soddisfatto di qualche vecchietto civicamente sempre piuttosto sensibile ai problemi del traffico (ma anche alle cacche dei cani e alle fontanelle che non funzionano eccetera).
Io penso che per risolvere il problema dei parcheggi il Giro d’Italia dovrebbe passare sotto casa mia tutti i giorni.




permalink | inviato da il 22/5/2007 alle 12:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


22 maggio 2007


TRANSITIVAMENTE PARLANDO

Giuliano Ferrara dà del narciso a Massimo Fini che risponde ad Adriano Sofri che lo aveva preso in giro perché lo aveva attaccato. C’è materia, direi.




permalink | inviato da il 22/5/2007 alle 9:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


21 maggio 2007


IT’S EASY IF YOU TRY

Può darsi che sì, questa storia dell’energia mentale sia scientifica.
Allora, all together now: Ternana in serie B, poi in A, poi scudetto, poi Champions League.




permalink | inviato da il 21/5/2007 alle 12:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


21 maggio 2007


ETSI TAGLIATELLAE...

«Betori accoglie l'invito del Papa: "Se vogliamo salvare il nostro futuro" - dice -, tutti, credenti e non credenti, dobbiamo vivere come se Dio esistesseSi parva licet, è come quando a me servono un piatto, che so: tagliatelle al ragù, e io, dopo l'assaggio, faccio: "Buone, sembrano proprio tagliatelle al ragù!". "Ma sono tagliatelle al ragù!", protesta vibratamente il cuoco. E io, imperterrito: "Lei è bravo, somigliano maledettamente a delle vere tagliatelle al ragù, complimenti davvero". Ecco, fossi Dio, cioè il cuoco, io questi cristiani che invitano non a essere cristiani ma a vivere come se li cucinerei tutti all'inferno».

(Azioneparallela)




permalink | inviato da il 21/5/2007 alle 11:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


21 maggio 2007


MAGLIARI

Vabbè, questa potrebbe essere la maglietta dell’estate. Solo un po’ più fighetta di quella indossata da questo signore.

(via Wittgenstein)




permalink | inviato da il 21/5/2007 alle 8:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


20 maggio 2007


CORAGGIO, SPARA!



A parte le cose che dovevano essere dette sul governo e sui suoi risultati (cose – purtroppo – ininfluenti nel dibattito sul futuro dell'Italia), questa intervista a Massimo D'Alema è importante per un motivo. Che si sviluppa in tre tappe.

1) Servono regole (elettorali e costituzionali) nuove, ma anche un po' vecchie:
«La crostata non c’era. Non ricordo quale fosse il dessert, ma ricordo bene i contenuti di quell’accordo: c’era elezione popolare diretta del capo dello Stato e c’era il doppio turno, che avrebbe limitato il potere di ricatto delle forze minori. Era un accordo importante per l’Italia»

2)
Il Partito democratico deve proporle:
«Ora io penso che in questo panorama non confortante il Partito democratico si presenti come l’unica novità e non è un caso che questo progetto susciti interesse e partecipazione. Se non lo sciupiamo nel corso delle prossime settimane, rappresenta un progetto di speranza per molti»

3) Non si illudano i “nuovisti”. Con regole vere se la giocano tutti:
«E allora? Se siamo delegati di diritto non va bene perché rappresentiamo il ceto politico che riproduce se stesso. Se ci sottoponiamo alle elezioni non va bene... perché forse ci votano. Possiamo solo farci fucilare? Guardi che io non ho una funzione nella vita pubblica perché sono imposto dall’alto: io ho il consenso di una parte del Paese sennò non conterei nulla. Quando mi sono presentato alle elezioni mi hanno votato al di là dei partiti e dei loro apparati. Alle Europee ho preso 834 mila preferenze non perché sono stato imposto dal Pcus!».




permalink | inviato da il 20/5/2007 alle 14:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


20 maggio 2007


“BEH, CERTO, È SOCIALITÀ”

Questo pezzo di Stefano Di Michele sugli happy hour romani è stre-pi-to-so! Manca soltanto una citazione di Vita precaria e amore eterno, un libro bellissimo di Mario Desiati che consiglio particolarmente

A San Lorenzo un tempo ci andavano ad abitare studenti e gente con pochi quattrini. Adesso è il regno dei cazzoni. Un sacco di cazzoni. A causa della massiccia presenza dei cazzoni il costo della vita ha iniziato a salire. (...) In virtù di questa pioggia di cazzoni è il quartiere che la giunta comunale riqualifica più di tutti gli altri, il simbolo della rinascita capitolina, un posto chiuso al traffico per sempre. Si danno licenze a tutto spiano per bar e baretti, enoteche e ristoranti costosi... e San Lorenzo si trasforma da quartiere precario di gente precaria in quartiere à lap age per neoricchi e bambocci radical-chic. Con i radical ho avuto a che fare un sacco di volte. Per colpa loro ho un sacco di problemi, fanno casino la notte. Sono autentici padroni della via sotto la mia finestra. Hanno così tanti quattrini, altrimenti non starebbero tutte le sere a lisciarsi canne e ubriacarsi sotto la mia stanza da letto"

Poi quando avrò tempo vi parlerò degli happy hour genovesi. Perché il problema non è tanto il “buonismo di Veltroni” (l'espressione sta curiosamente nel sottotitolo del pezzo), ma – in generale – lo spirito del tempo.




permalink | inviato da il 20/5/2007 alle 9:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile   <<  1 | 2 | 3  >>   giugno