.
Annunci online

attentialcane [ politica e occidentalismi ]
 


"Bau bau baby"
                Freak Antoni 


Segui attentialcane su Twitter


Scrivetemi su: maxsorci@yahoo.it

Questo blog è gemellato
con Nonsolorossi.



  
Riassunto, il raccoglitore delle notizie della rete!
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 
CIRCUS.IT : XML/RSS/ATOM Feeds Aggregator

Antipixel di Lamianotizia 


30 maggio 2009


BELLE TOPOLANEK

Pur ribadendo quanto si diceva qui, bisogna riconoscere che la faccenda ha risvolti alvarovitaleschi.


30 maggio 2009


IMPRESSIONI A CALDO

Marchionne: "E' il solito Magna-Magna"

p.s. comunque Franceschini, invece che criticare il governo ("mi pare che altri governi si siano impegnati in modo molto determinato per sostenere le loro imprese... da noi c'è sempre un po' di distrazione"), dovrebbe porre l'accento su un altro fatto: il governo avrebbe dovuto avere rassicurazioni da Fiat sul piano occupazionale e poi - eventualmente - sostenerla. E poi che significa "sostenerla": dargli i soldi che non aveva per convincere Opel?)

aggiornamento - anche tenendo conto di quanto si diceva nella parte finale del p.s., qua si apprezza il titolo dell'articolo linkato: l'Opel va a Magnà.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica economia fiat marchionne opel

permalink | inviato da Attentialcane il 30/5/2009 alle 12:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


30 maggio 2009


SECONDA STELLA A SINISTRA

“Come tanto tempo fa, quando nei giardini della villa Olivetta di Portofino lo sentirono gridare: Dai colpiscimi, stupido. E' tutta questa la tua forza? Quelli di casa pensano a un ladro, a una rissa. Accorrono. Lo vedono lì sul prato . Solo. Lui saltella, arretra, avanza, scarta di lato in un'immaginaria rissa. LE gambe flesse, i passi corti, il pugno destro ben stretto a protezione della mascella e il sinistro che si allunga veloce contro l'avversario che non c'è"

Giuseppe D'Avanzo ha ragione: al PresdelCons fa comodo evocare il fantasma del '94, quando i giudici gli spedirono il famoso avviso di garanzia che fece cadere il suo primo governo. In campagna elettorale è meglio avercelo un nemico, visto che l'opposizione appare messa maluccio. “La campagna elettorale di Berlusconi ha bisogno – come noi dell'aria – del conflitto con la magistratura”, scrive D'Avanzo. E' sul quel “come noi dell'aria” che ci trilla un campanellino in testa. Chi sono quel “noi”? Il primo significato, è sicuramente quello giusto: è il genere umano. E invece qua si pensa che “noi” potrebbe stare per “noi di Repubblica”. Perché non puoi dire che il premier “ripete ossessivamente sempre la stessa performance comunicativa (...) per cancellare l'inadeguatezza del suo governo” e poi essere tu stesso una pedina inconsapevole nelle sue mani. Lo so, le dieci domande che Repubblica ha rivolto al premier sono domande “politiche”, però perché non rendersi conto che lo stesso caso Noemi potrebbe essere un gigantesco polverone comunicativo per coprire il disastro del governo? In questo caso Repubblica dovrebbe essere processata per intelligenza col nemico. D'Avanzo, così come ogni buon giornalista, dovrebbe chiedersi: ma perché adesso, con tutti i casini economici che ci sono in Italia, il dibattito pubblico è centrato sulla figa e “noi” ci stiamo dietro? Non è Noemi - così come la magistratura – l'avversario che non c'è?


29 maggio 2009


CARA BARBARA PALOMBELLI, MA COME SI PERMETTE????

Barbara Palombelli interviene sullo scivolone di Dario Franceschini scrivendo su Facebook: "Voterò Pd, ma vorrei abbracciare i ragazzi di Berlusconi... Spero che Franceschini si scusi immediatamente. Sono ragazzi che lavorano e studiano, semplici e onesti. Complimenti a loro e soprattutto alle mamme!!!!".
Mettiamo da parte la solita trita polemica sanculotta sul fatto che i ragazzi di Berlusconi lavorano e studiano simultaneamente tanto quanto i figli di Padoa Schioppa erano precari (ricordate?); mettiamola da parte perchè non è un argomento. Vorrei chiedere soltanto questo: perchè "soprattutto alle mamme" (fossi Berlusconi mi arrabbierei: i ragazzi hanno difeso i suoi valori mica quelli della Veronica o dell'ex moglie)? E - soprattutto - perchè 4 (quattro) punti esclamativi? Noi moralisti del Pd quando vediamo un tal fottio di segni di interpunzione arricciamo il naso.


28 maggio 2009


PER ME LI FA RIMETTERE INSIEME

Visto che ormai peggio di così non si può fare, consiglierei Franceschini di lasciarsi andare del tutto e buttarla lì: "Donne, se foste veramente open minded sposereste Berlusconi?". Metto sul piatto 50 euro che la Veronica risponderà: ma come si permette? La nostra è una lunga storia d'amore. Poi via, con tutta la famiglia da Vespa, a ballare cantando abbracciati "ora è già tardi ma è presto se tu te ne vai". E Franceschini a reggere il moccolo giù in fondo, seduto con le spalle appiccicate alla parete.


28 maggio 2009


E SE ARRIVA IN FINALE DI CHAMPIONS SI GRIDERA' AL MIRACOLO



Ma quale Leonardo? La soluzione è
questa.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Milan Berlusconi Noemi politica sport calcio

permalink | inviato da Attentialcane il 28/5/2009 alle 22:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 maggio 2009


UN TEMPO QUI ERA TUTTO LAMBRUSCO E SCOPONE SCIENTIFICO

Ora - e lo dico da non frequentatore di sezioni - io sono pressochè d'accordo con Ugo Sposetti: al Pd serve una "sala macchine" perchè la partecipazione spontanea della gente (vedi primarie e cose così) non è possibile senza uno che organizzi tutto l'ambaradan. Quello che non riesco però a comprendere è perchè Sposetti, nel finale di un articolo equilibrato, non resista alla tentazione dello sberleffo nei confronti di coloro che chiama "gli innovatori" e affianchi il "liberismo temperato" (e come dovrebbe essere? O forse non dovrebbe neanche essere, il liberismo? E' d'accordo Sposetti a chiamarlo mercato regolamentato o non vuole proprio il mercato?), affianchi il liberismo temperato, si diceva, all'happy hour e allo squash. Ma che caspita c'entra?


26 maggio 2009


ATTENTIALTIFO

Qua il seienne e il sottoscritto stanno per il Manchester

Aggiornamento: ok, è andata e il Barcellona ha giocato meglio. Una cosa però: se non avessero trovato il goal alla prima azione... però l'hanno trovato, soprattutto perchè con Iniesta trovi praticamente tutto quello che vuoi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. calcio manchester barcellona champions

permalink | inviato da Attentialcane il 26/5/2009 alle 22:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa


22 maggio 2009


LO SCOOP DEFINITIVO



Noemi
è il nuovo allenatore del Milan.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica berlusconi milan noemi

permalink | inviato da Attentialcane il 22/5/2009 alle 21:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


20 maggio 2009


AKA IL SERPENTE E LA MELA

"La spiegazione della disfatta concessa da Bertinotti è al tempo stesso uno scoop (io vi dico che eravamo sconfitti da 40 anni, e non ce ne eravamo accorti) e un gigantesco alibi (un po' l'effetto di chi giustifichi gli incidenti automobilistici con l'invenzione della ruota: ineccepibile, ma un tantino parziale)... Perchè augurare al viandante di sinistra che la strada sia lunga è una crudele realtà. Nascondergli il Tuttocittà, è un'altra cosa". (Stefano Cappellini - Il Riformista)

Ero più o meno intenzionato a scrivere qualcosa sull'ultimo libro di Fausto Bertinotti (Devi augurarti che la strada sia lunga). Non lo farò, perchè quello che c'era da dire
è stato detto.


20 maggio 2009


CON QUESTE POSE NON VINCEREMO MAI

Visti i tempi balordi, immagino che questo non sia il problema principale del Pd, però un 55enne in blu e incravattato che mette l’inno dell’ex Unione Sovietica come suoneria del portatile, bene, io lo vivo se non altro come un elemento di discussione.


19 maggio 2009


FACCIA DI TOLLA

Adesso la parola d’ordine degli ultrà cattolici è ragionevolezza. Eugenia Roccella, sottosegretario al Welfare, dice che l’uscita di Gianfranco Fini (“Non si fanno le leggi seguendo la fede”) è errata perché in Italia il pericolo non esiste: da noi “non ci sono norme orientate dalla fede, ma dal massimo di ragionevolezza (…) chi non è d’accordo può chiedere il referendum”.
E se quel “massimo di ragionevolezza” non è possibile metterlo alla prova perché la Chiesa dice di non andarli a votare, i referendum?

Aggiornamento - che poi uno ci pensa ancora su e si chiede: ma se le leggi sono ragionevoli e si ha paura che il popolo referendario le bocci (o magari - che è lo stesso - la paura è che il popolo accetti leggi irragionevoli) allora o quel popolo non è ragionevole o non lo sono le leggi. La prima ipotesi apre il campo a un'altra cruciale domanda per un cattolico: l'uomo non riesce a capire l'evidente ragionevolezza di una norma? Certo, ci sarebbe sempre una possibile spiegazione che magari la Roccella (e Ruini e Casini eccetera) hanno preso in esame nell'optare per l'astensione: e se il diavolo entrasse in cabina elettorale per confondere?

Aggiornamento ulteriore - e se un cattolico dovesse rispondere che la differenza è tutta qui, che cioè il credente resta sempre libero di dare il suo assenso e che nulla è mai del tutto evidente anche se ragionevole, bene a quel cattolico bisognerebbe rispondere che l'osservazione non è pertinente. Ma ammettiamo pure che sia pertinente (e non lo è): se Dio è disposto a correre il rischio della libertà umana a maggior ragione dovrebbe essere disposta a correrlo la Roccella (e Ruini e Casini eccetera)


19 maggio 2009


CINEFORUM AZERO

Onestamente non vedo perchè non dovrei essere pervaso dal sano istinto allo schiaffeggiamento quando una stronzetta mi dice che lei no, il cinema americano ha smesso di vederlo da almeno dieci anni.  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. società cinema

permalink | inviato da Attentialcane il 19/5/2009 alle 8:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


16 maggio 2009


IL COMPAGNO GIULIO

Giulio Tremonti ha quasi sempre una posa (e una prosa) da eterno partecipante al congresso di Vienna, anche se dovesse raccontare di aver presieduto una riunione di condominio di un caseggiato a Torpignattara, che per i destini dell'assetto geopolitico dell'Europa appare decisamente poco impattante. Al di là di questo ("Il 9 ottobre, al Fondo Monetario a Washington, un venerdì, capiamo che il mercato di Londra il lunedì successivo non può aprire"), due passaggi dell'intervista che il ministro rilascia oggi al Corriere della sera sono da incorniciare. Il primo è sui cosiddetti Tremonti bond, il secondo sulla social card.
 
"E' un mezzo che allarga la base patrimoniale delle banche e dunque la possibilità di concedere credito. Ma quando le banche dicono che costa troppo sbagliano, perchè ragionano come se fosse uno strumento di debito. Non è stato pensato per le banche, ma per le imprese: serve per finanziare l'economia, non i loro bilanci. C'è il ritardo delle banche, è una responsabilità delle banche, e questo è il vero costo scaricato sulle imprese".

"Alla sinistra è mancata la capacità di lettura della realtà (...) finora a sinistra è stata prevalente la scelta dell'opposizione fine a sè stessa, ma se vuole è ancora in tempo per rendersi positivamente utile ai suoi elettori. Evitando che con il passare del tempo si finisca per pensarci noi".


16 maggio 2009


CHIEDERE SOLDI "A CHI CI STA"

"... mentre in Germania la Grosse Koalition sostiene il piano del ministro Karl Theodor zu Guttenberg che per garantire la continuità produttiva della Opel prevede un finanziamento-ponte da parte di banche statali" (Repubblica)
 
Che Marchionne fenda con arditezza il pelago internazionale ad onta del periglioso momento economico mi inorgoglisce. Però, al netto della poesia, mi faccio una domanda piuttosto prosaica: raschiato il barile in Italia, non sarà che Fiat va a chiedere i soldi a Obama e alla Merkel?


15 maggio 2009


ALLA PUGNA CON LA BANDIERA SCOUT

 

Del Pd si può pensare e dire quello che si vuole. Che è un partito inesistente. Che è un amalgama mal riuscito. Tutto quello che vi pare. Però leggere che Matteo Renzi sta bene attento a non finire mai inquadrato insieme a un tricolore democrat, tanto lo considera controproducente alla sua immagine di candidato sindaco, lo riterrei salutare. Per il Pd, naturalmente.


13 maggio 2009


LA SCOPERTA DI VELTRONI

Visti gli ultimi endorsement da parte di intellettuali girotondini, sinistra forcaiola e magistrati di piazza va a finire che a Di Pietro qualcuno proporrà, magari in futuro, di fare il sindaco di Bologna. Con la differenza cruciale che lui non è uno che si accontenta.


10 maggio 2009


ER SINDACO DE DESTRA SOCIALE UN PO' MELONI COME FOSSE ANTANI

 Alemanno: "Dolore e ripugnanza per la disumanità del fascismo"

Lo so che questa cosa del dolore e ripugnanza è stata messa lì apposta per noi blogger sempre attenti alle grandi e piccole cazzate, però Alemanno dovrebbe stare attento e avere rispetto innanzitutto per se stesso. 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Alemanno ebrei shoah politica

permalink | inviato da Attentialcane il 10/5/2009 alle 21:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


9 maggio 2009


SPUNTO GIORNALISTICO

 

Per me Noemi c'ha la parrucca.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Berlusconi Noemi Veronica

permalink | inviato da Attentialcane il 9/5/2009 alle 12:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


8 maggio 2009


OPPOSIZIONE OMBRA

Tranquilli, compagni: Berlusconi sarà rovinato dalla figa, è matematico.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Berlusconi Veronica politica

permalink | inviato da Attentialcane il 8/5/2009 alle 9:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


8 maggio 2009


MILIONI DI DISOCCUPATI COL MAGLIONCINO BLU APPESI A LI RAMI

"Così come Marchionne tenta l'atto di coraggio, in America e in Germania, egualmente, scendendo per li rami, anche il giovane disoccupato, l'artigiano, il piccolo imprenditore, si stanno chiedendo cosa possono fare, in concreto, per reagire alle difficoltà" (Giuseppe Roma, direttore generale del Censis - Il Foglio).

A me quelli del Censis - soprattutto l'altro Giuseppe, in verità - hanno sempre incuriosito. Perchè sono alati nel linguaggio e nei concetti, mai conformisti, in una parola vispi. Però, se da un lato capisco che è meglio l'effetto Marchionne dell'effetto Veronica, dall'altro non riesco proprio  a immaginare cosa significhi, nel concreto, per il "giovane disoccupato", la disamina dell'orizzonte della società italiana fatta da Roma per il Foglio. Sbaglierò, ma io ci vedo il berlusconiano "darsi da fare", con la differenza - cruciale - che Berlusconi ha il coraggio delle sue parole.


7 maggio 2009


DI CUI

"In platea, tra gli altri il capitano della Roma Francesco Totti con la moglie Ilary Blasi e Franco Califano".

Onestamente
Fiorello farebbe bene a stendere tappeti rossi a Berlusconi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Fiorello Berlusconi Veronica politica

permalink | inviato da Attentialcane il 7/5/2009 alle 21:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


7 maggio 2009


BLITZKRIEG

Il nuovo documento dei "quarantenni del Pd" mi sembra contenga cose più o meno già dette da altri che quarantenni non sono ma che - mi pare - continuano a parlare molto delle intenzioni e poco del merito. O meglio, stavolta qualcosa sul merito si dice: il problema è l'azione.

 


6 maggio 2009


CAMBIARE TARGET

Pietrangelo Buttafuoco, intercettato mentre parlava al telefono con Stefano Di Michele, una soluzione ce l’avrebbe: cambiare target.

“Lascia perdere i danni della comunicazione di massa… cazzate… ci sono delle bellissime facce da processione, in questa storia. In una foto della ragazza, con la mamma sullo sfondo, si vede un centrino sul tavolo… un centrino, capisci? Un centrino! (...) Torniamo alle femmine, che è meglio… senti, qui la soluzione è una sola: ci vuole una Carlà anche per il nostro Silvio… (…) Silvio nostro ha un sano gusto da camionista, funziona bene per il popolo e per l’estetica da consorzio agrario… e allora deve spiazzare tutto il mondo con una contromossa… deve trovarsi una Carlà Bruni scicchettosa, impegnata, de sinistra, una che s’annoia pure a leggere Le Monde e Repubblica… capisci, deve cambiare target (…) una con un filo di perle, buona educazione, con la seconda di petto… potrebbe fare appello al suo passato da viveur, il seno a forma di coppa di champagne, prima dell’arrivo di questi orrendi flout…”
(Il Foglio)


5 maggio 2009


QUANTE ACQUISIZIONI HAI

Ho la netta sensazione che prima o poi mi citofonerà Marchionne per chiedere di comprare il mio vecchio boxer.

update: ho appena sentito Crozza formulare a Ballarò più o meno la stessa battuta, con la vecchia Renault al posto del boxer. Sto perdendo colpi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica economia auto fiat marchionne

permalink | inviato da Attentialcane il 5/5/2009 alle 14:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


4 maggio 2009


MA COSA CI VUOI DIRE?

 

Non fare il ganzo e mettiti una cravatta qualsiasi come tutti noi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. fiat marchionne

permalink | inviato da Attentialcane il 4/5/2009 alle 22:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile        giugno