Blog: http://attentialcane.ilcannocchiale.it

FAMILY VANGA (torna a grande richiesta la rubrica “Diacobus”)



Non so dove l’ho letto, ma dicono che quando Savino Pezzotta abitava con la madre (gente piuttosto montanara e dura) erano capaci nell’arco di una giornata di non scambiarsi la minima parola, di capirsi con gli sguardi e i versi. Mi chiedevo cosa penserà il portavoce del Family Day, che è uno per il quale evidentemente le parole hanno un peso, nel leggere queste cose di Diaco oggi sul Foglio.

“leader tremendamente convincente ed intrigante (…) Frate Savino P. macho quanto bastatutto da mangiare (…) Frate Savino è nostro perché le sue cravatte ci rimettono in pace con l’Oviesse (…) Frate Savino è nostro perché si stende al mare con il suo ombrellone a fiori e l’immancabile borsa termica turchese (…) Frate Savino è nostro perché pucci pucci

Ecco, da buon portavoce della famiglia vecchio stampo, penserà che un padre a un figlio così due palate in faccia può anche dargliele.

Pubblicato il 15/5/2007 alle 15.17 nella rubrica diacobus.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web