Blog: http://attentialcane.ilcannocchiale.it

PASIONARIA

Beatrice Borromeo ha dichiarato al Secolo XIX: “Della nostra classe politica cambierei tutto. A cominciare dagli emblemi della casta: D'Alema, Rutelli, Berlusconi, Fini, Casini, Mastella, Fassino. Dimentico qualcuno? No, Romano Prodi lo salvo perchè viaggia in Eurostar (...) alle primarie del Pd non andrò a votare perché di questi tempi è molto dura essere di sinistra”.
Due osservazioni. La numero uno: se è per questo ci son stati momenti ancora più duri per quelli di sinistra, ma fortunatamente per noi – e per la giovanissima Borromeo – sono lontani. La numero due: per poter dire “casta” (che, lo riconosco, oggigiorno è una parola che va detta se non altro per ragioni di audience - e infatti l'ho pure messa nei tags), nella prima frase sarebbe stato meglio dire semplicemente “della nostra politica” e non “della nostra classe politica”. Così per non soggettivizzare troppo e – soprattutto – per non dare l'idea di voler strafare.

Pubblicato il 5/10/2007 alle 15.45 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web